Riduzione della giornata lavorativa: “gli operai debbono assembrare le loro teste e ottenere a viva forza, ‘come classe’ una legge di Stato, una ‘barriera sociale’ potentissima…”

"Poiché il sistema più semplice per accrescere i profitti del capitalista era quello di aumentare il plusvalore assoluto attraverso il massimo prolungamento della giornata lavorativa, all'inizio dell'era capitalistica troviamo in tutti i Paesi industriali una giornata lavorativa estremamente lunga che…

Commenti disabilitati su Riduzione della giornata lavorativa: “gli operai debbono assembrare le loro teste e ottenere a viva forza, ‘come classe’ una legge di Stato, una ‘barriera sociale’ potentissima…”

‘Il ‘sistema del credito’ ha infine il suo compimento nel ‘sistema bancario … il degno compimento dell’essenza del denaro’

"Il 'sistema del credito' ha infine il suo compimento nel 'sistema bancario'. La creazione dei banchieri, il dominio di stato della banca, la concentrazione di patrimoni in queste mani, questo 'Areopago' (1) economico-politico della nazione è il degno compimento dell'essenza…

Commenti disabilitati su ‘Il ‘sistema del credito’ ha infine il suo compimento nel ‘sistema bancario … il degno compimento dell’essenza del denaro’

‘La polemica sugli ‘Stati Uniti d’Europa’ tra Trotsky e Lenin, conclusasi con la riproposizione da parte di Trotsky della formula federalista, integrata nella sua teoria della rivoluzione permanente, e con la ripulsa leniniana’

"Scoppiata la guerra, s'intensificava lo sforzo pacifista e neutralista del gruppo [Coenobium, ndr], dal quale si staccavano i fautori democratici dell'intervento; come Crespi o Ghisleri, ma a cui s'univa in una prima fase Romain Rolland con il suo 'Au-dessus de…

Commenti disabilitati su ‘La polemica sugli ‘Stati Uniti d’Europa’ tra Trotsky e Lenin, conclusasi con la riproposizione da parte di Trotsky della formula federalista, integrata nella sua teoria della rivoluzione permanente, e con la ripulsa leniniana’

‘Karl Kautsky considerava inappropriata l’espressione dell’«unica massa reazionaria», con la quale si indicava l’insieme delle forze diverse dal proletariato’

"Kautsky sottolineava che i contadini e i piccoli borghesi assumevano una collocazione molto ambigua nelle lotte di classe a causa della loro duplice natura di ceti possidenti e nello stesso tempo sfruttati dal capitalismo. Questa riflessione trovava una concreta verifica…

Commenti disabilitati su ‘Karl Kautsky considerava inappropriata l’espressione dell’«unica massa reazionaria», con la quale si indicava l’insieme delle forze diverse dal proletariato’

“La teoria marxista non va trattata in modo dottrinale e dogmatico, come qualcosa che dev’essere appreso a memoria…”

«Mais de même que l'idéalisme passa par toute une série de phases de développement, il en est de même du matérialisme. Avec chaque découverte qui fait époque dans le domaine des sciences naturelles, il lui faut modifier sa forme, et…

Commenti disabilitati su “La teoria marxista non va trattata in modo dottrinale e dogmatico, come qualcosa che dev’essere appreso a memoria…”

Piero Gobetti, la rivoluzione russa e la “simpatia per Trotsky e Lenin”

"La questione del socialismo fu al centro di diversi articoli di «Energie Nove», inserita da Gobetti in un discorso più generale sulla ricostruzione del tessuto politico nazionale e che, come tale, andava ben al di là di quelli che erano…

Commenti disabilitati su Piero Gobetti, la rivoluzione russa e la “simpatia per Trotsky e Lenin”

Lenin: “Per costruire il comunismo non abbiamo che il materiale creato dal capitalismo”

"Nell'estate 1917, alla vigilia della conquista del potere, Lenin aveva scritto 'Stato e rivoluzione'. Aveva dichiarato che la burocrazia sarebbe stata praticamente eliminata. Aveva immaginato una gestione del potere così semplice da essere alla portata di tutti, anche dell'operaio e…

Commenti disabilitati su Lenin: “Per costruire il comunismo non abbiamo che il materiale creato dal capitalismo”

Engels: il proletariato vittorioso dovrà imporre quella rivoluzione economica della società senza la quale l’intera vittoria si concluderebbe necessariamente in una sconfitta

"Marx e io, a partire dal 1845 abbiamo sostenuto il punto di vista che 'una' delle conseguenze finali della futura rivoluzione proletaria sarà la progressiva dissoluzione e infine la scomparsa dell'organizzazione politica definita col nome di 'stato', un'organizzazione il cui…

Commenti disabilitati su Engels: il proletariato vittorioso dovrà imporre quella rivoluzione economica della società senza la quale l’intera vittoria si concluderebbe necessariamente in una sconfitta

La controversia sul programma di Erfurt della Socialdemocrazia tedesca (1891): Lenin: ‘Lo condividiamo’

"Il programma di Erfurt del 1891 rispecchia due elementi essenziali della strategia del partito [socialdemocratico tedesco] uscito dal regime delle leggi eccezionali bismarckiane: la convinzione che gli inasprimenti dei conflitti di classe e la decadenza della borghesia capitalistica siano inarrestabili…

Commenti disabilitati su La controversia sul programma di Erfurt della Socialdemocrazia tedesca (1891): Lenin: ‘Lo condividiamo’

‘La famosa “teoria dell’offensiva”, nata dalla creatività teorica di Bucharin, purtroppo fu applicata in Germania da Béla Kun – una “belakuneria”, disse Lenin’

"Il est vrai que la «Gauche allemande» qui correspondit en 1926-27 à l'Opposition unifiée en Union soviétique avait, à la difference de l'Opposition de gauche du bien d'autre pays, une existence réelle et, pour une opposition dans un PC, un…

Commenti disabilitati su ‘La famosa “teoria dell’offensiva”, nata dalla creatività teorica di Bucharin, purtroppo fu applicata in Germania da Béla Kun – una “belakuneria”, disse Lenin’
Chiudi il menu