Un Labriola amareggiato per la connotazione negativa assunta dalla parola ‘socialista’ in Italia, precisa: «in tutte queste cose i proletari non entrano…»

"Scrivendo a Friedrich Engels da Roma già il 28 ottobre 1892, Labriola sosteneva che in Italia «Il radicalismo è quasi del tutto esautorato. Non ci sono più partiti, e tutto s'inchina al governo esistente o a quello che verrà. In…

Commenti disabilitati su Un Labriola amareggiato per la connotazione negativa assunta dalla parola ‘socialista’ in Italia, precisa: «in tutte queste cose i proletari non entrano…»

Si prevedeva la scomparsa del sistema di relazioni globali borghese e la sua sostituzione con una comunità proletaria internazionale

"Accettando nel 1921 quello che si riteneva essere un temporaneo impedimento verso la mèta dell'autoconservazione con la rivoluzione, i capi comunisti della Russia si accinsero a far mostra di una notevole abilità nella tecnica della diplomazia, basata sull'equilibrio delle potenze.…

Commenti disabilitati su Si prevedeva la scomparsa del sistema di relazioni globali borghese e la sua sostituzione con una comunità proletaria internazionale

‘La rivoluzione comunista sopprime la divisione del lavoro e il dominio delle classi sopprimendo le classi stesse’

"«Il commercio nell'economia borghese - prosegue Marx in 'Ideologia tedesca' - domina, con la domanda e l'offerta, il mondo intero distribuendo, simile al fato antico, felicità e infelicità; mentre invece «con la soppressione della base, della proprietà privata, col regolamento…

Commenti disabilitati su ‘La rivoluzione comunista sopprime la divisione del lavoro e il dominio delle classi sopprimendo le classi stesse’

‘Le collisioni fra classi sociali sono condizionate dal grado di sviluppo della loro situazione economica…’

"Era precisamente Marx che per primo aveva scoperto la grande legge dell'evoluzione storica, la legge secondo la quale tutte le lotte della storia, si svolgano esse sul terreno politico, religioso, filosofico, o su altro terreno ideologico, in realtà non sono…

Commenti disabilitati su ‘Le collisioni fra classi sociali sono condizionate dal grado di sviluppo della loro situazione economica…’

‘Marx aveva insegnato che la convivenza umana era una cronica guerra civile, che la violenza era la reale protagonista della storia e che le rivoluzioni erano i veicoli sui quali avanzava il progresso umano’

"Lo Stato, dunque, secondo Lenin, è 'forza' e, si badi bene, nient'altro che forza (111). Più precisamente esso è l'organizzazione della forza per opprimere le masse lavoratrici. 'Sic rebus stantibus', è chiaro che l'unico modo possibile per il proletariato di…

Commenti disabilitati su ‘Marx aveva insegnato che la convivenza umana era una cronica guerra civile, che la violenza era la reale protagonista della storia e che le rivoluzioni erano i veicoli sui quali avanzava il progresso umano’

‘Deve essere ben chiaro, a tale proposito, che in Marx non c’è nessuna nostalgia romantica né per l’artigiano né per il contadino indipendente’

"Dunque nella figura del capitalismo vengono a congiungersi due ruoli: il ruolo di classe e il ruolo di direzione dei lavori. Questi due ruoli vengono a coincidere in una determinata fase storica dello sviluppo capitalistico, dove il possessore del denaro,…

Commenti disabilitati su ‘Deve essere ben chiaro, a tale proposito, che in Marx non c’è nessuna nostalgia romantica né per l’artigiano né per il contadino indipendente’

‘La Polonia era per la democrazia occidentale d’allora il paese degli insorti e la Russia il paese della reazione e nulla più’

"Non la teoria e la tattica socialista, ma la politica corrente della democrazia tedesca, gli interessi pratici della rivoluzione borghese dell'Occidente europeo hanno dato inizio all'atteggiamento che Marx e poi Engels hanno mantenuto verso la Polonia e la Russia. Al…

Commenti disabilitati su ‘La Polonia era per la democrazia occidentale d’allora il paese degli insorti e la Russia il paese della reazione e nulla più’

Quei “sempliciotti” di democratici, che sono illuminati “dall’alto”, non hanno bisogno di simili fatiche… È tutto così semplice… Tutto così semplice! In queste teste vuote!

"Joseph Weydemeyer resistette in Germania ancora due anni dopo il 1849, l'anno in cui ebbe inizio il periodo della reazione, infine nel 1851 dovette abbandonare il paese ed emigrò negli Stati Uniti dove svolse un'attività intensa e fruttuosa, fornendo un…

Commenti disabilitati su Quei “sempliciotti” di democratici, che sono illuminati “dall’alto”, non hanno bisogno di simili fatiche… È tutto così semplice… Tutto così semplice! In queste teste vuote!

La fraternizzazione dei lavoratori al di sopra di tutte le frontiere: i proletari tedeschi in divisa

"L'insegnamento di Lenin del 1914, al quale gli internazionalisti riferiscono sempre la loro posizione, preconizzava la trasformazione della guerra mondiale in guerra civile e prevedeva l'unità del proletariato mondiale contro, in primo luogo, la borghesia del proprio paese. Il richiamo…

Commenti disabilitati su La fraternizzazione dei lavoratori al di sopra di tutte le frontiere: i proletari tedeschi in divisa

«La rivoluzione industriale ha avuto per l’Inghilterra la stessa importanza che la rivoluzione politica per la Francia e quella filosofica per la Germania»

"A quanto sembra, prima del 1840 nessuno scrittore socialista aveva usato quest'espressione ['rivoluzione industriale', ndr] e il primo a servirsene è stato Engels, nel 1845, ne 'La situazione della classe operaia in Inghilterra', riferendosi alle trasformazioni davvero rivoluzionarie che questo…

Commenti disabilitati su «La rivoluzione industriale ha avuto per l’Inghilterra la stessa importanza che la rivoluzione politica per la Francia e quella filosofica per la Germania»