‘Nessuna riforma può essere stabile, autentica e seria se non è sostenuta dai metodi rivoluzionari di lotta’

"Già Engels diceva, nel suo scritto 'Per la critica del progetto di programma del partito socialdemocratico' (1), del 1891, precisamente questo che quando «dalle società per azioni passiamo ai trust, che dominano e monopolizzano intere branche dell' industria… non possiamo…

Commenti disabilitati su ‘Nessuna riforma può essere stabile, autentica e seria se non è sostenuta dai metodi rivoluzionari di lotta’

Nel campo dell’educazione, l’auto-trasformazione può essere concepita o compresa solo come ‘prassi rivoluzionaria’

"La dottrina materialistica della modificazione delle circostanze e dell'educazione dimentica che le circostanze sono modificate dagli uomini e che l'educatore stesso deve essere educato. Essa è costretta quindi a separare la società in due parti, delle quali l'una è sollevata…

Commenti disabilitati su Nel campo dell’educazione, l’auto-trasformazione può essere concepita o compresa solo come ‘prassi rivoluzionaria’

La critica di Lenin a Bordiga. La critica di Bucharin a Trotsky.

"La cosa diventa anche più evidente se si considera la critica di Lenin a Bordiga: "…Bordiga e i suoi amici "di sinistra" dalla loro giusta critica dei signori Turati e consorti traggono la falsa conclusione che, in genere, ogni partecipazione…

Commenti disabilitati su La critica di Lenin a Bordiga. La critica di Bucharin a Trotsky.

Vuoto di potere nella crisi tedesca del novembre 1918. I socialisti indipendenti erano divisi e indecisi e ricordavano ‘la scombinata banda di giovani briganti dei ‘Masnadieri’ di Schiller’

"Nel novembre del 1918 parlare di qualcuno che aveva i pieni poteri significava non volersi accorgere che la confusione politica dovuta ai 'coups' rivoluzionari, all'abdicazione dei sovrani e, dopo la conclusione dell'armistizio, ossia l'11 novembre, ai disordini causati dalle bande…

Commenti disabilitati su Vuoto di potere nella crisi tedesca del novembre 1918. I socialisti indipendenti erano divisi e indecisi e ricordavano ‘la scombinata banda di giovani briganti dei ‘Masnadieri’ di Schiller’