“Se gli economisti sono i rappresentanti scientifici della borghesia, i socialisti e i comunisti sono i teorici del proletariato. “Finché il proletariato non si è ancora sufficientemente sviluppato per costituirsi in classe, e di conseguenza la stessa lotta del proletariato con la borghesia non ha ancora assunto un carattere politico, e finché le forze produttive non si sono ancora sufficientemente sviluppate in seno alla stessa borghesia, tanto da lasciare intravvedere le condizioni materiali necessarie all’affrancamento del proletariato e alla formazione di una società nuova, questi teorici non sono che utopisti, i quali, per soddisfare i bisogni delle classi oppresse, improvvisano sistemi e rincorrono le chimere di una scienza rigeneratrice. Ma a misura che la borghesia progredisce e che con essa la lotta del proletariato si profila più netta, essi non hanno bisogno di cercare la scienza nel loro spirito; devono solo rendersi conto di ciò che si svolge davanti ai loro occhi e farsene portavoce. Finché cercano la scienza e costruiscono solo dei sistemi, finché sono all’inizio della lotta, nella miseria non vedono che la miseria, senza scorgerne il lato rivoluzionario, sovvertitore, che rovescerà la vecchia società. Ma quando questo lato viene scorto, la scienza prodotta dal movimento storico – e al quale si è associata con piena cognizione di causa – ha cessato di essere dottrinaria per divenire rivoluzionaria” (1). Con classica concisione Marx delineava in queste frasi il passaggio del socialismo dall’utopia alla scienza” [Franz Mehring, Storia della socialdemocrazia tedesca. Volume 1, 1968] [(1) Op.cit., p. 102]

Chiudi il menu