“Jules Ferry, avvocato squattrinato prima del 4 settembre, riuscì, come sindaco di Parigi durante l’assedio, a spremersi un patrimonio dalla carestia. Il giorno in cui dovesse rispondere della sua mala amministrazione sarebbe il giorno della sua condanna. Uomini di questo stampo potevano trovare solo tra le rovine di Parigi i loro ‘tickets-of-leave’ (1): erano proprio gli uomini ci cui aveva bisogno Bismarck. Mescolate un poco le carte, Thiers, fino allora ispiratore segreto del governo, apparve d’un tratto alla sua testa, con i ‘tickets-of-leave men’ come ministri. Thiers, questo nano mostruoso, ha affascinato la borghesia francese per quasi mezzo secolo, perché è l’espressione intellettuale più perfetta della sua corruzione di classe. Prima di diventare uomo di Stato aveva già dato prova come storico della sua capacità di mentire. La cronaca della sua vita pubblica è la storia delle sventure della Francia. Unito, prima del 1830, coi repubblicani, sotto Luigi Filippo si intrufolò in un posto di ministro, tradendo il suo protettore Laffitte. Entrò nelle grazie del re provocando sommosse di  plebe contro il clero, durante le quali furono saccheggiati la chiesa di Saint-Germain l’Auxerrois e l’Arcivescovado e facendo in pari tempo il ministro spia e l”accoucheur’ (2) carcerario della duchessa di Berry. Il massacro dei repubblicani nella via Transnonain e le successive infami leggi di settembre contro la stampa e il diritto di associazione furono opera sua. Riapparso a capo del ministero nel marzo 1840, fece stupire la Francia col suo progetto di fortificare Parigi. Ai repubblicani che denunciavano questo progetto come un sinistro complotto contro la libertà di Parigi, egli rispose dalla tribuna della Camera dei deputati: “Come! Immaginare che delle fortificazioni possono mai essere un pericolo per la libertà! Prima di tutto, voi calunniate ogni possibile governo col supporre che esso possa un giorno tentare di mantenersi al potere bombardando la capitale… ma un governo simile sarebbe dopo la sua vittoria cento volte più impossibile di prima”. Certo nessun governo avrebbe mai osato bombardare Parigi dai forti, tranne quel governo che prima aveva consegnato questi forti ai prussiani” [K. Marx La guerra civile in Francia] [in  K. Marx F. Engels, Opere scelte, a cura di Luciano Gruppi, 1966] [(1) “In Inghilterra ai delinquenti che hanno già scontato la maggior parte della loro pena si danno alle volte fogli di licenza, coi quali possono vivere in libertà ma sotto la sorveglianza della polizia. Questi fogli si chiamano ‘tickets-of-leave’  e i loro possessori ‘tickets-of-leave men’ (nota all’edizione tedesca del 1872); (2) Ostetrico”]

 

Chiudi il menu