Al pari di Engels, Bebel vede la causa dell’antisemitismo in moventi economici e nell’arretratezza, anche etica e spirituale, del mondo capitalistico, e invita il movimento socialista a cercare l’appoggio degli ebrei proletari nella lotta per il rinnovamento della società

"Secondo Engels, l'antisemitismo dev'essere respinto come strumento della reazione, che vorrebbe spingere i popoli a perseguitare gli ebrei invece di combattere il capitalismo. Dopo aver ribadito il concetto tra antisemitismo e arretratezza economica, egli scrive, sull'onda di una problematica che,…

Commenti disabilitati su Al pari di Engels, Bebel vede la causa dell’antisemitismo in moventi economici e nell’arretratezza, anche etica e spirituale, del mondo capitalistico, e invita il movimento socialista a cercare l’appoggio degli ebrei proletari nella lotta per il rinnovamento della società

Trotsky: “Dalla teoria marxistica non risulta affatto che la storia crei sempre le condizioni «più favorevoli» per il «proletariato»”

"Dopo la pace di Brest-Litowsk, Trotzky scriveva: «Kautsky tenta dimostrare che il mantenimento delle basi della costituzione democratica è, alla fine dei conti, sempre utile alla classe lavoratrice. In tesi generale questo è, naturalmente, giustissimo… Ma se, alla fine dei…

Commenti disabilitati su Trotsky: “Dalla teoria marxistica non risulta affatto che la storia crei sempre le condizioni «più favorevoli» per il «proletariato»”

Engels nel 1859-60 ha dimostrato che la Germania non aveva alcun bisogno del Mincio o del Po, e del mantenimento dell’Italia divisa…

"Libertà e autodecisione dei popoli, unità e indipendenza d'ogni nazione sono esigenze universalistiche, la cui soddisfazione può offendere soltanto gli interessi imperialistici ed egemonici, che han bisogno di fondarsi sulla sopraffazione e sulla divisione altrui. Ma quando - come Engels…

Commenti disabilitati su Engels nel 1859-60 ha dimostrato che la Germania non aveva alcun bisogno del Mincio o del Po, e del mantenimento dell’Italia divisa…

‘Al proletariato tedesco il merito di aver «svegliato» quello austriaco dal «letargo»’

"Il 1867 è anno cruciale per il socialismo. Per gli austriaci, punti di riferimento e di attrazione sono ognora il movimento operaio e il socialismo tedeschi, ma le idee di Lassalle vengono ora affiancate ai progetti organizzativi avanzati in Sassonia…

Commenti disabilitati su ‘Al proletariato tedesco il merito di aver «svegliato» quello austriaco dal «letargo»’

Il «segreto» delle relazioni diplomatiche è accuratamente osservato anche nei paesi capitalistici più liberi, nelle repubbliche più democratiche

"Non c'è idea più errata e nociva che quella di separare la politica estera dalla politica interna. E proprio in tempo di guerra tale estremo errore appare ancor più grave. Ma la borghesia fa il possibile e l'impossibile per inculcare…

Commenti disabilitati su Il «segreto» delle relazioni diplomatiche è accuratamente osservato anche nei paesi capitalistici più liberi, nelle repubbliche più democratiche

Il dibattito di inizio secolo XX sul futuro delle colonie: ‘Kautsky non va molto lontano dai vecchi suggerimenti di Engels del 1882’

"Alexander Helphand, più noto con lo pseudonimo di Parvus, pubblicò 'Die Kolonialpolitik und der Zusammenbruck'. Questo è un libro che ha influito positivamente su Kautsky. Parvus, elaborando gli spunti di Hilferding; era il primo a evidenziare sulla scorta di un'abbondante…

Commenti disabilitati su Il dibattito di inizio secolo XX sul futuro delle colonie: ‘Kautsky non va molto lontano dai vecchi suggerimenti di Engels del 1882’

‘Può essere considerato un vero rivoluzionario soltanto colui che conosce le cause dell’oppressione e contro ogni episodio d’oppressione lotta tutta la vita’

"Ogni operaio e contadino cosciente deve raggruppare attorno a sé i compagni più sensati, fidati e coraggiosi. Deve cercare di spiegare loro che cosa vogliono i socialdemocratici; affinché tutti capiscano quale lotta bisogna condurre e che cosa bisogna rivendicare. I…

Commenti disabilitati su ‘Può essere considerato un vero rivoluzionario soltanto colui che conosce le cause dell’oppressione e contro ogni episodio d’oppressione lotta tutta la vita’

‘Ci vuole molta capacità pratica, la conoscenza delle condizioni locali. Noi non ne abbiamo ancora. Non è affatto una vergogna confessarlo; dobbiamo riconoscerlo apertamente’

"Già Engels, che insieme a Marx pose le basi del marxismo scientifico, cioè della dottrina che sempre serve di guida al nostro partito, e particolarmente durante la rivoluzione, già Engels aveva suddiviso i contadini in piccoli, medi e ricchi, e…

Commenti disabilitati su ‘Ci vuole molta capacità pratica, la conoscenza delle condizioni locali. Noi non ne abbiamo ancora. Non è affatto una vergogna confessarlo; dobbiamo riconoscerlo apertamente’

Wilhelm Reich. Mancata assimilazione del fattore soggettivo, del ruolo del partito rivoluzionario

"'Psicologia di massa del fascismo' prese forma nella mente di Reich tra il 1930 e il 1933, cioè durante gli anni della crisi socio-economica tedesca destinata a sfociare nell'avvento di Hitler al potere. Scritto interamente di getto nei primi mesi…

Commenti disabilitati su Wilhelm Reich. Mancata assimilazione del fattore soggettivo, del ruolo del partito rivoluzionario

Marx ed Engels nel loro primo scritto comune svelano il segreto delle divagazioni socialistiche, di cui si compiaceva la borghesia satolla

"[Il] loro primo scritto comune, [fu] la 'Critica della Critica critica', come essi stessi lo battezzarono, o 'La sacra famiglia', come lo intitolarono su proposta dell'editore. Gli avversari lo schernirono subito perché sfondava delle porte aperte, e anche Engels pensava,…

Commenti disabilitati su Marx ed Engels nel loro primo scritto comune svelano il segreto delle divagazioni socialistiche, di cui si compiaceva la borghesia satolla
Chiudi il menu